Così come il corpo lavora in perfetta armonia tra tutte le sue parti, anche la sua cura deve avvenire attraverso un approccio multispecialistico integrato che tenga conto della sua complessità, superando definitivamente la vecchia idea della medicina come settori chiusi in compartimenti stagni.

Alla base di questa visione della cura incentrata sul paziente in quanto individuo, si afferma un rapporto sempre più fluido tra il paziente e un team di professionisti che, ben lontani dalla logica di soluzioni preconfezionate per tutti, si dedica allo studio e all’analisi di esigenze specifiche per trovare le migliori soluzioni.

IL CENTRO PORTA: L’ODONTOIATRIA AL CENTRO DEL LAVORO DI SQUADRA TRA SPECIALISTI

La filosofia del Centro Porta di Busto Garolfo si basa su un approccio plurispecialistico che mette in primo piano il benessere del paziente inteso come persona nella sua unicità.

Molto spesso infatti, la bocca è il centro rilevatore di patologie collegate ad altre branche della medicina, oppure, al contrario, dalla bocca prendono vita delle problematiche che si riflettono su altre parti del corpo senza che la correlazione sia così ben evidente come potremmo immaginarci.

Spesso le sinergie che nascono tra l’odontoiatria e le altre discipline ad essa strettamente correlate costituiscono una garanzia verso un percorso di cura corretto. Ecco perché rivolgersi ad un centro polispecialistico, con all’interno professionisti di diverse discipline affini, può essere la soluzione vincente per risolvere situazioni che creano disagio, fastidio o, nel peggiore dei casi, dolore.

L’APPROCCIO MULTISPECIALISTICO INTEGRATO TRA ODONTOIATRIA, ORTOPEDIA E FISIOTERAPIA

La correlazione tra denti e problemi posturali è ampiamente accertata e si riscontra sia nei bambini, sia negli adulti. Uno dei sintomi più frequenti è sicuramente il mal di schiena, ma le problematiche possono riguardare anche alterazioni del sistema scheletrico.

Quali sono le cause? Dipende dal singolo caso. Dalla malocclusione all’accavallamento dei denti fino a un palato eccessivamente alto: lo specialista dovrà valutare con attenzione la situazione per capire dove e come agire, partendo dal confronto con il paziente e dal racconto di tutti i piccoli segnali che possono essere connessi a queste situazioni.

Una corretta diagnosi ortodontica può essere dunque risolutiva per corregge problematiche legate all’ortopedia e alla fisioterapia, sfruttando al meglio un approccio multispecialistico integrato efficace e mirato.

LA SINERGIA POSITIVA TRA ODONTOIATRIA, OSTEOPATIA E NATUROPATIA

Il legame tra occlusione e postura è ormai un fatto consolidato: se la mandibola assume una posizione asimmetrica per cause genetiche, traumatiche o per cure odontoiatriche, si può verificare una modificazione della postura dovuta alle contrazioni di alcuni muscoli con conseguenti problemi e dolori alla colonna vertebrale e alla zona cranio-cervicale.

Come può intervenire l’osteopata in questo contesto? L’osteopata contribuisce all’adattamento del corpo ai cambiamenti conseguenti all’applicazione di apparecchi fissi o mobili, evitando l’insorgenza di sintomi dolorosi e accelerando il processo di cura. Il suo compito è dunque quello di affiancare l’ortodontista verificando i cambiamenti posturali del paziente e tenendo sotto controllo l’insorgenza di fissità e rigidità craniche.

L’approccio integrato multidisciplinare riguarda anche la naturopatia, una disciplina applicabile a una moltitudine di patologie odontoiatriche e ortopediche, di supporto all’intervento del dentista nei trattamenti e nell’igiene orale. La naturopatia non è finalizzata a fare diagnosi e terapia delle patologie specifiche, ma a favorire il benessere e la guarigione attraverso interventi di disintossicazione e riequilibrio “secondo natura” , utilizzando rimedi naturali sull’origine del malessere o del disordine.

ODONTOIATRIA E NUTRIZIONE: UN CONNUBIO VINCENTE

L’odontoiatra è l’esperto del cavo orale, il nutrizionista è la figura professionale che si occupa di modificare o rafforzare le abitudini di attività motoria e di alimentazione, con tutti i benefici che ne conseguono.

Le situazioni in cui queste due discipline si intersecano sono molteplici: dall’assunzione non equilibrata di zuccheri che causa carie, allo squilibrio nell’apporto di aminoacidi, minerali e vitamine che possono modificare la gravità e l’estensione di malattie parodontali, fino alla corretta assunzione di fluoro per il benessere dei denti e all’importanza di un’accurata igiene orale. C’è poi il tema non trascurabile della masticazione, ovvero il processo grazie al quale il cibo viene frantumato: con una buona masticazione, tra le altre cose, si rinforzano i denti e le gengive e si previene l’accumulo di placca e carie.

Il connubio tra la cura della bocca e la cura dell’alimentazione è dunque una scelta vincente che assicura un sorriso sano e bello per tutta la vita.

ODONTOIATRIA E MEDICINA ESTETICA PER LA SALUTE E LA BELLEZZA DELLA PERSONA

Medicina estetica e odontoiatria sono strettamente connesse, basti pensare che sempre più spesso l’odontoiatra ha il compito di curare non solo le patologie del terzo medio e del terzo inferiore del volto, ma anche l’estetica di queste aree.

Il progressivo aumento dell’età media e quindi dell’età dei pazienti che si sottopongono a cure odontoiatriche, ha portato a galla la necessità di concentrarsi sul ripristino dei tessuti perioriali per ottenere un aspetto che soddisfi il paziente. Inoltre, sono molti i fattori che agiscono su labbra e volto conferendo un aspetto senescente, su cui l’odontoiatra può intervenire migliorandone l’estetica.

Il sorriso gioca un ruolo centrale in termini estetici e nelle relazioni sociali, è il centro della bellezza e influisce in modo determinante sulla salute dell’individuo intesa in un’ottica ampia della percezione del sé.

L’APPROCCIO MULTISPECIALISTICO INTEGRATO PER UN NUOVO CONCETTO DI SALUTE

Di fronte alle nuove conoscenze mediche e socio-culturali, il concetto di salute si è evoluto in un’ottica più completa che tiene conto non solo aspetti fisici, ma anche psicologici e morali strettamente correlati all’ambito culturale in cui l’individuo nasce, cresce e vive.
Oggi, la salute è un concetto tanto ampio quanto soggettivo che, come ha dichiarato l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si può definire come: “Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l’assenza di malattia e di infermità”.

Un approccio multidisciplinare integrato risponde a questa definizione prendendosi cura dell’individuo come un’entità complessa e armonica da seguire in ogni step della relazione tra medico e paziente.