IL LABORATORIO ODONTOTECNICO DEL CENTRO PORTA QUANDO L’ECCELLENZA NON È SOLO MEDICA

protesi centro porta

Tra i fiori all’occhiello del Centro Porta di Busto Garolfo troviamo il laboratorio odontotecnico interno. È specializzato nella produzione di dispositivi medici odontoiatrici su misura. La continua ricerca dell’eccellenza al servizio del sorriso e del benessere, passa di qui attraverso non solo protocolli standardizzati ma anche con la formazione continua, la ricerca di materiali innovativi, software e strumenti di ultima generazione.

A differenza degli studi che non hanno un laboratorio odontotecnico interno, il Centro Porta  garantisce la cura completa e del cliente in tutte le sue fasi. Con il vantaggio di una maggiore velocità nei vari momenti necessari al percorso intrapreso. La valutazione delle impronte e del colore insieme al medico di riferimento, i ritocchi di protesi rimovibili, le modifiche immediate sui manufatti di prova e tutto quanto riguarda questa importante fase di cura. È così ottimizzato e gestito con facilità per medico e paziente.

L’eccellenza del laboratorio odontotecnico del Centro Porta fa sì che collabori con altri studi medici del territorio, a cui fornisce periodicamente tutti i manufatti protesici. Quali protesi mobili o rimovibili, protesi fisse e apparecchi ortodontici rimovibili. Vediamo insieme i più importanti.

PROTESI MOBILE O RIMOVIBILI (TOTALI E PARZIALI)

La protesi mobile sostituisce una parte o l’intera arcata dentaria e può essere rimossa dal paziente per motivi di igiene quotidiana. Presso il Centro Porta, si producono protesi personalizzate in linea con le caratteristiche individuali del paziente, attentamente studiate dal medico di riferimento e dallo staff. E applicate con la tecnica di montaggio del Professor Gerber, per il miglior risultato e la soddisfazione del paziente che si rivolge al nostro Centro.

Due le tipologie esistenti:

  • La protesi mobile parziale che è ancorata attraverso ganci ai denti naturali rimasti o tramite attacchi ad elementi naturali (denti) o artificiali (impianti). Solitamente è formata da una struttura metallica da cui prende il nome di “scheletrato”. La presenza di attacchi metallici permette un buon livello di stabilità funzionale e masticatoria e richiede la protesizzazione di uno o più elementi dentari per l’inserimento degli attacchi.
  • La protesi mobile totale invece è la scelta corretta quando, in mancanza di denti o radici naturali residui, la protesi totale in resina deve sostituire una o due arcate dentarie poggiando solo sulle mucose e sull’osso del paziente. Nonostante la sua stabilità sia soggetta al graduale riassorbimento osseo – per cui servono regolari “ribasature” ad opera del dentista – e l’efficacia masticatoria sia ridotta rispetto ad altre soluzioni protesiche, la protesi totale è annoverata come soluzione più economica per riabilitare le funzioni orali del paziente.
 
PROTESI FISSA

La protesi fissa sostituisce gli elementi dentari naturali con manufatti definitivi e stabili: faccette (applicate sulla superficie del dente con una procedura mininvasiva o anche senza preparazione), corone (sostituti artificiali di un solo dente) e ponti (sostituiti di più elementi dentari) cementati a pilastri di denti contigui e quindi non rimovibili senza l’intervento dello specialista.

In particolare, la corona dentale – o capsula – è una sorta di casco che protegge un dente compromesso da carie, fratture o dopo una devitalizzazione. La capsula può essere posizionata anche sopra a un impianto dentale per ristabilire l’estetica del sorriso del paziente.

Per costruire una corona dentale si possono utilizzare vari materiali, tutti disponibili presso il nostro Laboratorio Odontotecnico e definiti in base alle esigenze del paziente.

Corona dentale ceramica integrale che sono delle capsule che servono a ripristinare la struttura dentale originale e a migliorare la resistenza e l’estetica dei denti danneggiati. Il risultato è immediato e naturale. Le corone, una volta applicate, sono difficilmente distinguibili dai denti veri e possono durare a lungo nel tempo.

In particolare ne evidenziamo due tipologie più indicate:

  • corona dentale in zirconia che hanno un aspetto molto simile ai denti naturali e ciò le rende ottime dal punto di vista estetico. Lo zirconio è un materiale molto leggero e resistente e assicura una lunga durata alla capsula dentale. Sono particolarmente adatte a ricoprire denti molto scuri.
  • corona dentale in disilicato di litio: materiale metal free molto resistente che ha la traslucenza di un dente naturale. Indicato per realizzare corone sottili e incapsulare il dente limandolo il meno possibile. Il suo punto di forza è la possibilità di coniugare estetica e robustezza elevata della struttura.

Poi alcune altre:

  • corona dentale in metallo-ceramica, capsule formate da due strati di materiali. All’interno c’è il metallo – solido e resistente – mentre all’esterno si trova la ceramica. Sono protesi dentali di buona qualità, ma hanno lo svantaggio di essere molto scure al loro interno, comportando quindi una resa estetica non ottimale soprattutto nel caso in cui la gengiva si ritiri.
  • corona dentale in metallo-composito, formate all’interno da metallo e all’esterno da resina composita, materiale utilizzato anche per le otturazioni. Lo svantaggio del composito è che con il passare degli anni si usura e ingiallisce facilmente. Il vantaggio è che è molto economico, ma ormai è sempre meno utilizzato a causa della estetica inferiore rispetto ad altre soluzioni.

Infine le corone provvisorie che  sono come una corona definitiva che si fissa sul dente per il periodo limitato di tempo in cui il laboratorio odontotecnico produce la versione permanente. In questo modo, il paziente può riprendere velocemente la sua routine, soprattutto nel mangiare e nel parlare, in attesa dell’elaborato definitivo. Proprio come le corone permanenti, le corone dentali provvisorie possono essere realizzate con una serie di materiali diversi come plastica di alta qualità, metallo, porcellana o composito.

APPARECCHI ORTODONTICI RIMOVIBILI

Solitamente utilizzato in una fase iniziale della terapia o durante la crescita, l’apparecchio ortodontico rimovibile rappresenta un modo rapido per riallineare i denti. Ideale per le persone che non possono indossarlo per tutta la giornata, ma solo per una parte (di solito la notte).

Combina il vantaggio degli apparecchi fissi con gli archi a memoria di forma ed il comfort e la possibilità di rimuoverli mentre si mangia o per pulirli e, in generale, nelle situazioni in cui non si vuole esibirli. L’apparecchio rimovibile può essere in metallo o di colore naturale e può essere utilizzato su pazienti di qualsiasi età, bambini compresi.

VUOI SAPERNE DI PIÙ? CONTATTACI.

Post correlati